30 gennaio 2008

Greenpeace e Lello Arena. Blitz da Bassolino.


Blitz di Greenpeace a Napoli di fronte al palazzo della Regione Campania: sono stati consegnati al presidente Bassolino più di tre quintali di rifiuti differenziati. Tra gli attivisti il comico Lello Arena in rappresentanza dei napoletani volenterosi e desiderosi di uscire dall'emergenza.


Questa mattina Greenpeace è entrata in azione di fronte al palazzo della Regione Campania: ha consegnato a Bassolino più di tre quintali di rifiuti differenziati, prodotti dalle famiglie coinvolte nel progetto "Differenziamoci". Tra gli attivisti il comico Lello Arena che, improvvisando un'arringa, ha ribadito che la colpa dell'emergenza rifiuti non è certo dei napoletani.

Greenpeace insieme a Lello Arena hanno chiesto di parlare con Bassolio ma non essendo presentato quello vero, tra gli attivisti spunta la sua maschera. Una maschera davvero somigliante, realizzata dall'artista Gianluca Venezia. Oltre ai rifiuti differenziati che poi sono stati portati via per lo smaltimento, Greenpeace ha presentato in Regione anche una serie di beni di consumo che potrebbero essere prodotti grazie al riciclo. Per questo, sui due striscioni srotolati era scritto: 'A munnezza nun è schifezza' e Riciclo = Salute, Ambiente, Lavoro.

Per una settimana Greenpeace ha fornito a un gruppo di cittadini quanto occorre per la raccolta differenziata domiciliare. Tutto è stato organizzato in pochi giorni –avvalendosi di consulenti locali (Achab Group) già operativi in Regione - per dimostrare che questa soluzione, oltre a essere concreta e sana, è conveniente, economica e veloce. Greenpeace ha consegnato a Bassolino una lettera con una serie di proposte e il video del progetto "Differenziamoci" organizzato e condotto in meno di 20 giorni.

I dati diffusi oggi, sull'esperimento di Greenpeace, sono importanti. In meno di una settimana è stato superato il 70 per cento di raccolta differenziata. Grazie a 50 famiglie in totale sono stati RACCOLTI 522,6 KG DI RIFIUTI, di cui:
- 140,4 Kg di INDIFFERENZIATO (27%)
- 112,3 Kg di CARTA E CARTONE (21%), utili a produrre un quintale di libri in carta riciclata
- 61,7 Kg di PLASTICA E LATTINE (12%), dalla plastica si ricavano 21 maglie in pile o 8 piumini in pile o 12 vaschette, dalle lattine 2 bici o 8 caffettiere o 2 monopattini.
- 158 Kg di UMIDO (30%), da cui deriverebbe 1 quintale di compost
- 50,2 Kg di VETRO (10%), da cui ricavare 200 bottiglie di vetro

Dove è stata avviata, la raccolta differenziata domiciliare ha dato risultati importanti nel giro di pochi mesi, mentre il commissariamento dura da quindici anni. Negli oltre cento Comuni campani virtuosi, il peso dei rifiuti si è ridotto dei 2/3. Separare l'umido ha diminuito molto l'impatto ambientale oltre alla puzza e alle emissioni di biogas.

In questo progetto Greenpeace non ha voluto sostituirsi a chi è chiamato a gestire i rifiuti, ma ha aiutato un gruppo di cittadini a differenziare la raccolta. Oltre la riduzione e separazione domiciliare dei rifiuti, è necessario avviare quanto prima la costruzione di impianti di compostaggio in tutta la Campania. Nell'immediato bisogna realizzare "allestimenti di emergenza" per il compostaggio: con un'area di 5000 mq è possibile organizzare in poche settimane linee di compostaggio per 5000 tonnellate l'anno, e servire fino a 50.000 abitanti.

Balene catturate da una Canon o cacciate da un arpione?


Greenpeace chiede a Canon di firmare una dichiarazione contro la caccia alla balene. Ma la più grande azienda di fotocamere digitali - conosciuta in tutto il mondo e maggiore sponsor di progetti per salvare le specie a rischio - risponde "No". Greenpeace lancia un appello mondiale invitando i clienti della Canon a chiedere all'azienda di schierarsi apertamente contro il massacro delle balene, spacciato per ricerca scientifica dal governo giapponese.

Greenpeace pensava che il direttore generale della Canon - Fujio Mitarai - si sarebbe sicuramente unito all'appello internazionaleper fermare la caccia alle balene. Mitarai è nella posizione ideale per farlo: non è solo a capo della Canon ma anche della Japanese Business Association, quindi molto vicino al governo giapponese.

In una lettera del 10 gennaio indirizzata a Mitarai Greenpeace chiedeva di firmare la seguente dichiarazione: "Canon è impegnata a costruire un mondo migliore per le future generazioni e non supporta la caccia di specie in via d'estinzione o minacciate con qualcosa di diverso da una fotocamera. Canon ritiene che il programma di ricerca letale sulle balene nell'Oceano Antartico debba essere eliminato e sostituito con un programma di ricerca non-letale".

Il 22 gennaio Canon risponde di riconoscere "l'importanza di proteggere le specie a rischio". Ma conclude la lettera così: "la comunità scientifica giapponese si divide tra chi condanna la caccia alle balene per scopi scientifici e chi invece no… noi non firmeremo la dichiarazione che ci avete mandato". La verità è che non c'è bisogno di uccidere le balene per studiarle: ha raccolto più dati Greenpeace in due mesi di ricerca non-letale che il programma giapponese in 18 anni.

Quest'anno la flotta baleniera giapponese avrebbe dovuto uccidere circa nove balenottere minori al giorno e una balenottera comune ogni due giorni. In totale 935 balenottere minori e 50 balenottere comuni. Per due settimane la nave di Greenpeace "Esperanza" ha impedito alla flotta baleniera giapponese di cacciare nel Santuario delle Balene dell'Oceano Antartico. Adesso, l'Esperanza è a corto di carburante e deve rientrare in porto. Ma la campagna per fermare la caccia baleniera in Antartide non è finita: è il momento di mobilitarsi tutti per fare pressione sul governo giapponese. A cominciare dalla Canon.

Canon non è implicata direttamente nella caccia alle balene, perciò Greenpeace non sta lanciando il suo boicottaggio. L'appello di Greenpeace punta a chiedere a Fujio Mitarai di esprimesri contro l'assurdo programma di ricerca letale sulle balene. E' ora che Mitarai cominci ad agire per proteggere gli animali e la reputazione del business giapponese all'estero.

29 gennaio 2008

Nintendo DS + Matematica = Divertimento macinanumeri!


Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle arriva in Europa!

Preparatevi a dimenticare la calcolatrice poiché il buon vecchio potere della mente si riabiliterà una volta che il Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle approderà su Nintendo DS. Ideale per mantenere in allenamento le vostre capacità di calcolo, sia da giovani che da adulti, il Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle vedrà gli utenti impegnati ad usare questo gioco stimolante per la mente, potenziare le proprie competenze matematiche. Tali competenze matematiche sono fondamentali nella vita quotidiana: dal pagamento di vari prodotti con spiccioli, al calcolo di uno sconto sul prezzo di un pieno di carburante. Questo gioco consentirà quindi agli utenti non solo di mantenere in allenamento le proprie competenze matematiche di base, ma anche di misurare le proprie capacità di calcolo sfidando amici o compagni di classe grazie alla connessione wireless del Nintendo DS! Il Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle per Nintendo DS sarà disponibile in Europa a partire dall’ 8 febbraio 2008.

Il Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle si basa sul metodo di calcolo delle cento caselle impiegato da Hideo Kageyama, e fornisce una serie di problemi matematici divertenti, semplici e diretti con i quali gli utenti potranno cimentarsi. Grazie alle addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, il Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle, per Nintendo DS, metterà alla prova sia il giocatore giovane che desideri migliorarsi in matematica, che l’utente adulto che desideri affinare le proprie competenze di calcolo e mantenere la mente in allenamento.

Il metodo delle cento caselle vedrà i giocatori impegnati a risolvere 100 semplici problemi matematici su una griglia di dieci per dieci caselle con numeri in ordine sparso che scorrono sul lato superiore e sul lato sinistro dello schermo. In base al simbolo matematico che compare nell’angolo in alto a sinistra, i giocatori prenderanno i numeri corrispondenti situati in alto e a lato dello schermo e addizioneranno, sottrarranno o moltiplicheranno le cifre, inserendo le proprie risposte nella casella corrispondente al fine di completare la tabella. Tenendo il Nintendo DS come un libro, gli utenti utilizzeranno il pennino ed il Touch Screen per inserire le proprie risposte il più velocemente ed il più accuratamente possibile. Con una gamma di esercizi che variano da semplici operazioni ad una sola cifra fino alle più complesse operazioni a tre cifre, i giocatori metteranno alla prova le loro capacità indipendentemente dal loro livello.

La funzione Test del Giorno consente agli utenti di completare tre esercizi che cambiano ogni qualvolta si passi al livello successivo. Ogni giorno, una volta terminati gli esercizi, gli utenti vedranno apparire un visto sul calendario del gioco e quando avranno ricevuto cinque visti, potranno avanzare di un livello. Per mostrare il risultato di un giocatore, vengono assegnate medaglie d’oro, d’argento e di bronzo in funzione a quanto rapidamente ed accuratamente viene terminata una serie di problemi.

Guidati nel corso del gioco dal Professor Kageyama, i giocatori possono anche cimentarsi in uno dei 40 diversi Esercizi per continuare ad allenare le proprie competenze o a sfidare amici o compagni di classe grazie alla connessione wireless del Nintendo DS. Con una singola scheda gioco, fino ad altri 15 Nintendo DS possono collegarsi e prendere parte ad una gara con più giocatori per vedere chi riesce a vincere una delle varie sfide, come le maratone di divisioni o i fogli di calcolo, nel più breve tempo possibile!

Il Training di matematica del Professor Kageyama: Esercizi di calcolo con il metodo delle cento caselle stimolerà la mente ed affinerà le competenze matematiche in tutta Europa con il suo lancio su Nintendo DS previsto l’8 febbraio 2008 con un prezzo al pubblico indicativo di €30.

Genere: educational
Piattaforma: Nintendo DS
Publisher: Nintendo
Sviluppatore: Shogakukan
Lingua: 5 in 1 (inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo)
Rating PEGI: 3+

Roma capitale dell’automotive


Dal 31 gennaio al 3 febbraio Automechanika Roma. L’industria della sicurezza e dell’assistenza ai veicoli dell’area Mediterranea rappresentata da 250 aziende.

250 aziende saranno protagoniste di Automechanika Roma il nuovo salone internazionale dell’aftermarket dell’auto organizzato da Messe Frankfurt Italia, che si svolgerà nella capitale dal 31 gennaio al 3 febbraio 2008. Nei 20.000 mq dei primi due padiglioni della nuova fiera di Roma sarà esposta la migliore produzione dei prodotti e dei servizi che garantiscono la circolazione dei veicoli sulle strade.

Gli espositori provengono da venti paesi, mostreranno assieme alle aziende italiane quanto di più aggiornato esiste oggi nell’industria automotive mondiale. Grande spazio anche per i Paesi del Mediterraneo. La presenza della divisione aftermarket di una grande Casa auto come la Volkswagen Italia porta ancora più prestigio alla lista degli espositori che ha già raggiunto quota 250.

Una dimostrazione di quanta attenzione le Case produttrici di veicoli prestano al settore della post vendita, per fidelizzare i clienti e migliorare la distribuzione. Ricambi originali e reti autorizzate esporranno assieme alle reti e ai car services indipendenti organizzate dai produttori e distributori di ricambi e di attrezzature per l’assistenza ai veicoli. Roma, che con la sua fiera diventerà per quattro giorni capitale dell’aftermarket automobilistico e della sicurezza degli automobilisti, grazie alle iniziative e agli incontri informativi e istituzionali sull’importanza della cura dell’auto, che animeranno il nuovo quartiere espositivo, a pochi chilometri dall’aeroporto internazionale di Fiumicino e dal centro della città. Protagonisti della grande esposizione saranno gli autoriparatori e i distributori di ricambi di tutta Italia, in particolare del Mezzogiorno, così come quelli provenienti dalle due sponde del Mare Nostrum.

Automechanika Roma nasce infatti con l’obiettivo di diventare un appuntamento fisso e altamente specializzato per gli operatori del settore automotive nel Mediterraneo. La nuova manifestazione fieristica è stata già presentata nel corso di incontri con buyer, giornalisti, opinion leader e importatori di ricambi e attrezzature di Spagna, Grecia, Croazia, Dubai ed Emirati Arabi, destando grandi aspettative tra gli operatori esteri interessati in particolare ad entrare in contatto diretto con il fiorente ma sommerso mercato del Centro Sud Italia, attualmente privo di una fiera di settore. Il tour promozionale continuerà in Francia, Egitto e Turchia per portare a Roma il meglio del mercato automotive internazionale. I grandi marchi dell’auto presenti in fiera e le reti indipendenti basate sulla qualità dei servizi all’automobilista, renderanno ancora più animata e interessante un’esposizione che già è già una novità nel panorama fieristico italiano internazionale.

La dimensione internazionale e l’orientamento “business to business” dedicato agli operatori di settore sarà inoltre arricchito da una serie di eventi e partnership che faranno da traino all’intero mondo dell’automotive italiano che si incontrerà a Roma. Una grande opportunità anche per i giovani autoriparatori del CNOS FAP, l’istituto per la formazione professionale dei Salesiani e per gli autoriparatori di CNA che sono già partner istituzionali della manifestazione, ma anche per le carrozzerie la cui associazione europea AIRC si riunirà per la prima volta in Italia proprio durante Automechanika.

27 gennaio 2008

Anche le lesbiche sono pellegrine


Ma chi l’ha detto che due lesbiche buddiste non possono fare il cammino di Santiago? Federica e Cristina ci hanno provato, portando con sé la loro storia d’amore, il conflitto con la chiesa cattolica, la ricerca di una dimensione spirituale e libera.

Sinossi
Cristina e Federica insieme decidono di partire a piedi per percorrere il cammino di Santiago di Compostela. Sono amiche, ex-fidanzate, buddiste e compagne di viaggi e avventure.
Nel loro viaggio di 800 km a piedi – in compagnia della “multinazionale del rosario”, un gruppo “sgangherato” di pellegrini senza soldi composto da Kevin, aspirante seminarista, Laura e Cristiano in cerca di una strada per la vita e Ricardo, cileno, l’angelo custode del gruppo, guida morale e materiale del gruppo – affronteranno molte avventure, rideranno, piangeranno e si confronteranno con le molte anime di chi decide di affrontare questo viaggio fuori dal tempo.

Un’avventura tra sacro e profano, tra anima e corpo, tra vino e pane, tra asini, pecore nere e pecorelle smarrite … Alla ricerca della “normalità” nascosta nella diversità di ogni individuo, di ogni vocazione, di ogni forma d’amore. L’avventura di un viaggio iniziatico che passa per la materia (vesciche ai piedi, pulci negli albergue, fatica del percorso) e conduce fino allo spirito, in quel luogo sconosciuto dove l’anima si nasconde. “Ora anima e corpo camminano insieme” dichiarano alla fine del viaggio.

video

Prima puntata: Un percorso di Fede.
Cristina propone a Federica, la sua ex fidanzata, di partire per il cammino di Santiago, ma lei non ne vuole sapere (da anni è in rotta con la chiesa cattolica). Alla fine si convince e, dopo un estenuante allenamento, partono per Roncisvalle. Il cammino inizia da lì, ma l’incontro con un gruppo di pellegrini cattolici riaccende l’antico conflitto con la religione..

Seconda puntata: Pecore nere.
Federica è demoralizzata perchè il cammino è molto più duro del previsto, ma un patto sacro rilancia la sfida. Nel frattempo Cristiano intreccia una storia d’amore con una pellegrina sposata, Laura è esausta e vuole tornarsene a casa e una coppia cede alla tentazione dell’autobus..

Terza puntata: La retta via.
Com’è difficile seguire la retta via! La vocazione sacerdotale di Kevin comincia a vacillare, Cristiano non riesce a troncare con la donna sposata, ma l’incontro con Chic, pellegrino omosessuale che sul cammino ha incontrato l’uomo della sua vita, rivela che la retta via è solo un’illusione..

Quarta puntata: Famiglia cristiana.
Federica e Cristina incontrano una famiglia di pellegrini con due asinelli: improvvisamente sembra di camminare sulla strada per Betlemme! E’ l’occasione per parlare d’amore: etero, omosessuale, sacerdotale, famiglie di fatto e in continua evoluzione.

Quinta puntata: Il regno dei cieli.
E’ vero che il cammino di Santiago ti cambia la vita? Dopo 700 km è il momento della resa dei conti, c’è chi dice la verità e chi fa voto di silenzio.. Laura Cristiano Kevin e Ricardo raggiungono commossi le reliquie di San Giacomo,mentre Federica e Cristina ricevono un’indulgenza per tutti i peccati commessi fino a quel momento..

Una produzione Cult / Wilder - (5 x 30’) – Docu-story
Messa in onda:
PREMIERE: 6 feb alle 23.00 – EP 1 e 2 (backtoback)
Dal 13 febbraio, tutti i mercoledì del mese alle ore 23.00 : EP. 3, 4 e 5

Link correlato:
www.gentecult.it/people

Lo scafandro e la farfalla - trailer e sinossi


Nel dicembre ‘95, all’età di 43 anni, Jean-Dominique Bauby – dinamico e
carismatico direttore di ELLE Francia – fu colpito da un ictus devastante che ne rese inattivo il sistema cerebrale e ne cambiò la vita per sempre. Superato un iniziale stato di coma, si svegliò per scoprire di essere vittima di una sindrome locked-in – mentalmente vigile ma prigioniero dentro il suo stesso corpo, in grado di comunicare col mondo esterno solo attraverso il battito della palpebra dell’occhio sinistro. Costretto a confrontarsi con quest’unica prospettiva di vita, Bauby riuscì a costruire un ricco universo interiore per trovare dentro di sé le uniche due cose che non fossero paralizzate: l’immaginazione e la memoria. All’Hospitale Maritime di Berck-Sur-Mer imparò un alfabeto completamente nuovo, che codifica le lettere più frequenti del vocabolario francese. Queste parole, queste frasi, questi capitoli dolorosamente espressi lettera per lettera, raccontano la storia di una profonda avventura all’interno della psiche umana e della battaglia tra la vita e la morte. Questo alfabeto riuscì a scardinare la prigione del corpo di Jean-Dominique, che lui chiamava il suo scafandro, ed aprì gli sconfinati territori della libertà interiore, da lui chiamati la farfalla.

video

30 giorni di buio - trailer e sinossi


Per secoli i vampiri sono rimasti avvolti nelle tenebre, costretti a nascondersi al sorgere del sole per non rischiare di essere bruciati dai suoi raggi. Ma nel film 30 Days of Night, basato sull’innovativo ed omonimo fumetto, le cose saranno totalmente diverse. Non vedrete più i vampiri dell’epoca dei vostri genitori, ma delle moderne macchine mangiatrici, concepite per un’unica funzione: divorare gli esseri umani. Solo la luce del sole può fermarli ed è per questo che scelgono come terreno di caccia la remota ed isolata cittadina di Barrow, in Alaska, che ogni inverno resta avvolta dalle tenebre per 30 giorni. Questi astuti vampiri assetati di sangue, che non vedono l’ora di abbandonarsi ad un mese di bagordi, sono lì per approfittare del buio e nutrirsi degli inermi cittadini. Spetterà allo sceriffo Eben (Josh Hartnett), alla moglie separata, Stella (Melissa George), e ad un sempre più sparuto gruppo di sopravvissuti fare tutto il possible per sopravvivere fino al sorgere del sole.

Columbia Pictures presenta una produzione Ghost House Pictures in associazione con Dark Horse Entertainment, 30 Days of Night. Il film è interpretato da Josh Hartnett, Melissa George, Danny Huston, Ben Foster e Mark Boone Junior. Diretto da David Slade, prodotto da Sam Raimi e Rob Tapert, la sceneggiatura è di Steve Niles e Stuart Beattie e Brian Nelson, basata sui fumetti di Steve Niles e Ben Templesmith. I produttori esecutivi sono Joe Drake, Nathan Kahane, Mike Richardson e Aubrey Henderson. Il direttore della fotografia è Jo Willems, le scenografie sono di Paul Denham Austerberry. L’addetto al montaggio è Art Jones e i co-produttori sono Chloe Smith e Ted Adams. I costumi sono di Jane Holland, mentre le musiche e la supervisione musicale sono opera di Brian Reitzell.


video

Spiderwick: Le cronache - Sinossi


“The Spiderwick Chronicles” è uno straordinario fantasy avventuroso, con creature che provengono da un mondo invisibile. Quando la famiglia Grace si ritrova faccia a faccia con queste creature magiche e a volte spaventose, non solo deve mettere alla prova se stessa ma anche superare i conflitti famigliari.

La storia ruota attorno ai tre figli - Jared e il suo gemello Simon (entrambi interpretati da Freddie Highmore), e la loro sorella maggiore, Mallory (Sarah Bolger) – e alla loro mamma Helen (Mary-Louise Parker), separatasi di recente.
La famiglia si trasferisce nella tenuta Spiderwick, isolata e fatiscente, una volta dimora del loro prozio Arthur Spiderwick (David Strathairn) e della prozia Lucinda (Joan Plowright). Nonostante ai ragazzi il trasferimento pesi, ciascun membro della famiglia comincia ad adattarsi alla situazione a modo proprio – Simon, il più studioso dei due gemelli, esaminando la strana dimora, Mallory esercitandosi nella scherma, e Helen trovandosi un nuovo lavoro nella città più vicina.

video

Jared, tuttavia, comincia a notare le strane cose che si verificano nella casa magica, e comincia a fare delle indagini. Ignorando gli avvertimenti di un “brownie”, Thimbletack (Martin Short), una creatura incantata che vive nelle mura della casa, trova uno strano libro, potenzialmente pericoloso, scritto dallo Zio Arthur, La Guida Pratica di Arthur Spiderwick al Mondo Fantastico che Vi Circonda. Una volta aperto, il libro rivela – e libera – un mondo che circonda la Tenuta Spiderwick, abitato da una serie di strane, meravigliose – e spaventose – creature: un furbo ma amichevole folletto di nome Hogsqueal (Seth Rogen), un gruppo di pericolosi spiriti maligni, le misteriose e bellissime fate e gli spiritelli. Solo coloro che guardano attraverso una magica "pietra delle visioni" o che hanno lo sputo di uno sciagurato folletto nell'occhio – l'appiccicoso fato di ogni bambino – possono vedere queste creature.

Ma è l'astuto orco maligno Mulgarath (Nick Nolte), che rappresenta la minaccia più temibile. I ragazzi cominciano a rendersi conto che la Guida Pratica non è soltanto il prodotto dell'immaginazione del loro prozio, ma la chiave per rapportarsi con tutte le magiche creature che incontrano, fornendo un potere incredibile a chiunque ne comprenda i segreti. E Mulgarath non intende fermarsi davanti a nulla pur di appropriarsene!

Ricco di fantasia, emozioni, suspense e azione, il film racconta i disperati tentativi dei ragazzi Grace di proteggere la Guida Pratica ed assicurarsi che non cada nelle mani sbagliate, mentre traggono da essa – e costruiscono– le loro forze, con l'aiuto di alcune straordinarie creature del Mondo Invisibile.

26 gennaio 2008

La Pasqua e Pasquetta in Abruzzo, Offerta Agriturismo La Meridiana


In Abruzzo i riti religiosi e le usanze legate al periodo di Pasqua sono molto sentite e in molte località si svolgono rappresentazioni sacre e riti di origini antichissime.

In Abruzzo i riti religiosi e le usanze legate al periodo di Pasqua sono molto sentite e in molte località si svolgono rappresentazioni sacre e riti di origini antichissime. Ad esempio a Chieti il Venerdì Santo c'è la Processione organizzata dalla Confraternita della Buona Morte, dove i partecipanti vestiti a lutto procedono al ritmo della “troccola”.

A Gessopalena il Mercoledì Santo viene allestita la “Passione Vivente” a cui partecipano tutti gli abitanti del paese.

Invece a Teramo il Venerdì santo si svolge la Processione della Desolata, dove le donne velate e vestite a lutto, portano la statua della Madonna Addolorata per il percorso delle “sette chiese”.

A l'Aquila nel giorno del Venerdì Santo c'è la processione del “Cristo Morto” accompagnata dal canto del miserere.

A Lanciano la sera del Giovedì Santo, vi è una processione che sosta nelle chiese dove sono stati allestiti i sepolcri. Nella processione del Venerdì Santo compaiano i “Misteri”, i canti corali, il “Miserere” e la figura del cireneo che, scalzo ed incappucciato porta la Croce, è impersonato da un membro della Confraternita.

Altre usanze e riti religiosi legati al periodo di Pasqua si svolgono a : Moscufo, Penne, Villa Badessa, Sulmona, Orsogna e Pianella.

Link correlati:
La Pasqua in Abruzzo
Offerta Pasqua in agriturismo in Abruzzo

La nuova Oasi WWF Vasche di Maccarese


WWF rinnova il suo impegno contro la perdita e il degrado degli ambienti umidi con l'apertura di una nuova Oasi all’interno della Riserva Naturale Statale Litorale Romano.

Un’anteprima dedicata esclusivamente alla stampa per presentare la nuova Oasi WWF Vasche di Maccarese, nei pressi di Fiumicino. Grazie all’accordo siglato con la Proprietà, la Maccarese S.p.A., che prevede l’annessione della nuova zona umida alla già esistente Oasi WWF di Macchiagrande, le due aree costituiranno un’altra importante realtà per lo sviluppo sostenibile del territorio, nel rispetto delle necessità di tutela e conservazione della biodiversità.

Le Vasche, situate non lontano dall’abitato storico di Maccarese, sono occupate per la maggior parte da 5 invasi artificiali. Costruite nel 1970 a scopi venatori, vennero adibite, secondo un piano di riconversione produttiva, a complesso di vasche per la piscicoltura intensiva. Il successivo abbandono ha permesso il ricrearsi di un ambiente umido singolare che favorisce la presenza di numerosissime specie animali, in particolare uccelli acquatici migratori e non, anche rari, come il tarabuso e il tarabusino.

Nonostante la pressione dell’uomo che si è man mano concentrato nel tempo – dalle opere di bonifica all’urbanizzazione – Macchiagrande e le Vasche di Maccarese hanno mantenuto una variabilità ambientale e una ricchezza di biodiversità che ne fanno una roccaforte naturale della provincia romana, e il cuore della Riserva naturale del Litorale. I circa 310 ettari tutelati a Macchiagrande sono un mosaico di vari tasselli di ambienti diversi: partendo dal mare e dalle vaste distese di dune, lo sguardo si perde nella successione dei 200 ettari di vegetazione mediterranea, che si diversifica in tutte le sue tipologie più caratteristiche, dai residui di bosco mediterraneo, o tipico delle zone umide, ai prati incolti, Di grande valore forestale e vegetazionale in genere, è anche un sito importante per la fauna. Negli anni ha rappresentato un luogo di richiamo per molti visitatori e in particolare per i giovani delle scuole.

“Nel tempo le zone umide hanno subito una drastica diminuzione: in Italia, tra il 1938 e il 1984, abbiamo perso il 66% degli ambienti umidi. Nel mondo, circa il 26% delle aree umide sono state prosciugate per far posto all’agricoltura o interrate per lo sviluppo urbano. La perdita e il degrado degli ambienti umidi non si è mai fermato: ancora oggi, sono seriamente minacciate vaste aree di importanza nazionale e internazionale – dichiara Fulco Pratesi, Presidente Onorario del WWF Italia - Le zone umide italiane, in particolare, svolgono una fondamentale funzione di crocevia per i flussi migratori: se seguissimo il tragitto che compie un uccello migratore nel viaggio di ritorno dall’Africa, risalendo verso Nord, vedremmo che le principali zone umide utili al suo sostentamento sono situate, oltre che lungo le coste siciliane, sulla costa tirrenica dell’Italia centrale compresa tra il Lazio e la Toscana. Sebbene ricoprano solo il 6% circa della superficie terrestre, le zone umide sono tra gli ecosistemi più ricchi di biodiversità del Pianeta. Se quantificassimo “economicamente” la loro funzionalità, calcolando che gli ecosistemi nel loro insieme provvedono per 33 mila miliardi di dollari l’anno ai fabbisogni dell’uomo, potremmo verificare che circa il 26% di questi provengono dalle sole acque interne”.

Le zone umide provvedono a mantenere i livelli di falda, a controllare le inondazioni e i processi di erosione, al consolidamento delle rive, a trattenere i sedimenti e i nutrienti e a mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici. Sono fonte di sostentamento per le popolazioni locali e luoghi fondamentali per conservazione della biodiversità.

25 gennaio 2008

Il Codice di Second Life: un business in divenire


E' possibile trasformare soldi virtuali in soldi reali? Un italiano ha decifrato il codice per avere successo e guadagnare denaro su Second Life.

Perchè non sedersi comodamente sulla poltrona di casa, davanti al proprio computer, chiudere gli occhi e decidere di essere qualcun altro? Second Life è proprio questo, un modello virtuale ad altissimo ingrediente economico, un mondo affascinante dove dietro un’esagerata allegria di facciata, bilanciata da una malinconia strisciante, si nasconde un’irresistibile bisogno di spendere e di costruire un’economia virtuale con solidi risvolti reali.

In questa seconda vita ci si puo’ permettere davvero tutto, in questo mondo onirico infatti chiunque puo’ sognare ad occhi aperti tenendo bene in mente il proprio obiettivo: guadagnare.

Appena entrati nel sito si scopre che in questa terra si puo’ volare, il che rende il tutto piu’ attraente. Successivamente si puo’ creare il proprio personaggio e cercare di farlo essere piu’ felice che mai. Con un’unica soluzione: riempirgli le tasche di Linder Dollar, valuta locale, ottenuta cambiando soldi veri tramite carta di credito (mille LD corrispondono a 3,32 dollari USA).

“Il codice di Second Life” è un manuale completo di trucchi e tecniche per essere leader nel mondo virtuale e reale. L'autore, Daniele D'Ausilio, già conosciuto per "Il Codice degli Ebook", s’impone come obiettivo proprio quello di riuscire ad essere protagonisti grazie a strategie finanziare che potranno permetterci di investire realmente e diventare padroni di una seconda vita.

Chiunque di noi potrà diventare un giorno come Ailin Graef, 20 anni che con il suo Avatar (personaggio virtuale) di nome Anshe Chung, ha creato su Second Life una Società di Immobili che ha fatturato più di un Milione di Dollari!

Bisogna pertanto scegliere che cosa può rappresentare Second Life per noi: o una semplice valvola di sfogo o un vero e proprio business in divenire. Se scegliamo questa seconda opportunità dobbiamo entrare preparati nel nuovo mondo perché i pericoli, come nella vita reale, ci sono anche in un universo virtuale creato ad hoc per noi.

“Il codice di Second Life” è disponibile all'indirizzo www.Autostima.net, dove troverai anche il catalogo dei 50 prodotti dell'editore.

Le baleniere e i rifornimenti illegali in Antartide


Gli attivisti di Greenpeace hanno ostacolato il rifornimento di carburante dalla nave cisterna Oriental Bluebird alla nave macelleria giapponese Nisshin Maru. Si tratta di un'operazione illegale nelle acque antartiche per i rischi ambientali che essa comporta. Un gommone si è infiltrato tra le due navi rallentandone l'avvicinamento per il passaggio di carburante.

I membri dell'equipaggio dell'Esperanza hanno avvertito le baleniere giapponesi che la nave di Greenpeace e gli attivisti sui gommoni si trovavano dietro l'Oriental Bluebird per impedire le operazioni di rifornimento. Ma le due navi hanno continuato ad avvicinarsi, mentre uno dei gommoni rischiava di restare intrappolato.

Sakyo Noda, responsabile campagna Balene di Greenpeace Giappone, ha mandato un chiaro messaggio all'Oriental Bluebird: la nave cisterna deve lasciare subito le acque antartiche; il rifornimento è un'attività pericolosa che mette a rischio un ambiente incontaminato e protetto come l'Antartide. Proprio l'anno scorso la Nishin Maru ha subito un incendio mentre era in prossimità dell'Oriental Bluebird: non è escluso che fosse in corso un trasbordo tra le due navi.

La nave cisterna con bandiera panamense non è nemmeno ufficialmente registrata come parte della flotta baleniera e non dovrebbe essere lì. Il governo panamense - che si è schierato a difesa delle balene nell'IWC - si rende complice della loro mattanza, se permette all'Oriental Bluebird di rifornire la Nisshin Maru sotto la propria bandiera.

24 gennaio 2008

Papa benedice mucche e maiali, LAV: ipocrisia


“A San Pietro giovedì 17 gennaio c'è stata una benedizione degli allevatori non di mucche, maiali, pecore e galline che finiranno comunque alla macellazione. Un esercizio di pura ipocrisia”. Così Gianluca Felicetti, presidente della LAV, commenta la ricorrenza di Sant’Antonio Abate, in Vaticano, con la manifestazione organizzata dall’Associazione Italiana Allevatori per la benedizione del cardinale Angelo Comastri, vicario del Santo Padre.

“Forse non a caso Papa Benedetto XVI, proprio domenica scorsa, ha compiuto un grande passo indietro rispetto al sentire comune di moltissimi cattolici, così come rispetto ai suoi predecessori, dicendo che gli animali non saranno chiamati all’eternità. E pensare che Paolo VI era stato invece possibilista sul reincontro in Paradiso anche con gli animali e Giovanni Paolo II aveva attribuito anche agli animali il soffio divino”, prosegue Felicetti.

Per l’arrivo di centinaia se non di migliaia di animali d’allevamento in San Pietro, la LAV ha allertato l’Asl veterinaria e il Comune di Roma per svolgere tutti i controlli dovuti sul trasporto, lo scarico e il carico, uno stress inutile di centinaia e centinaia di chilometri in andata e ritorno solo a uso e consumo degli allevatori.

La LAV chiede ai cittadini con i propri animali salvati dalla strada come cani e gatti, così come dalla macellazione, di partecipare invece alle benedizioni che diversi parroci ormai svolgono da anni a favore degli animali in onore di Sant’Antonio Abate ogni 17 gennaio, seguendo le orme di Don Mario Canciani di San Giovanni dei Fiorentini a Roma, scomparso solo qualche mese fa.

22 gennaio 2008

Un San Valentino Culturale in Sassonia


Per una vacanza romantica, regalatevi un fantastico viaggio, lasciandovi avvolgere dalla magia di questa regione della Germania e scoprirete tutto il fascino di uno STATE OF ARTS. Sebbene il territorio della Sassonia non sia vastissimo, la sua natura molto variegata. I boschi e le acque sono piene di vita.

La Sassonia è una delle aree culturalmente più ricche d'Europa. Innumerevoli fortezze medievali, storici castelli, palazzi e residenze principesche, quasi tutti adagiati in splendidi parchi e giardini realizzati in oltre un millennio di storia e cultura, ne danno visibile testimonianza.

DRESDA, capitale della Sassonia , fondata ottocento anni fa, lungo il corso del fiume Elba, si divide in Altstadt (Città Vecchia) e Neustadt (Città Nuova). Questa cittá detta anche“Firenze dell’Elba”, non mancherà di affascinarvi con lo splendore del suo centro storico e dei suoi castelli, con il “Blaue Wunder” e con le splendide distese lungo il corso dell’Elba: tesori che le hanno fatto valere il titolo di patrimonio culturale dell’umanità assegnatole dall’UNESCO. Oltre a Lipsia, la “piccola Parigi”, e a Chemnitz, la città dell’ingegnosità, anche le più piccole città sassoni affascinano con i loro centri storici millenari. Un irresistibile insieme armonico che non mancherà di sedurvi. Intorno alla capitale della Sassonia si estende lungo la valle dell'Elba uno dei più affascinanti paesaggi fluviali d'Europa. La vasta offerta culturale, la presenza di numerose città di interesse storico artistico, la bellezza dei paesaggi e l’atmosfera romantica, hanno fatto della Sassonia in pochi anni, la meta culturale più ambita in Germania. Le città della Sassonia costituiscono da sempre un forte polo attrattivo soprattutto per gli amanti della musica. Tra Lipsia, Dresda e Chemnitz, infatti, vissero e lavorarono alcun idei più grandi compositori di tutti i tempi come Bach, Mendelssohn Bartholdy e Robert Schumann.

Sassonia: regione dei castelli

Il castello di Albrechtsburg di Meissen, il Castello di Caccia di Moritzburg oppure la Fortezza di Königstein, per citarne solo alcuni, ospitano straordinari musei aperti al pubblico. Di questo patrimonio artistico fanno parte non solo i castelli dei margravi, principi elettori e dei re, ma anche le residenze della nobiltà sassone che spesso investono un ruolo particolare nella cultura di questa regione. 12 milioni di turisti visitano annualmente i castelli e giardini, attratti non solo dai musei, ma anche dalle coinvolgenti manifestazioni non solo turistiche, dalle interessanti visite speciali, nonché dalle splendide feste organizzate nelle magnifiche sale e nei vasti parchi e giardini.

Moritzburg - Un castello da fiaba ricco di tesori

Dedicato al duca Moritz, il quale nel 1542 si fece costruire una residenza di caccia alle porte di Dresda, quello di Moritzburg è il più spettacolare castello interamente circondato dalle acque presente in Sassonia. Gioiello Barocco che possiamo ammirare ancora oggi, con le sue quattro torri e le sue eleganti tonalità di ocra e bianco che si specchiano nella deliziosa laguna del castello. Nel 1974 il castello ospitò le riprese del film ceco "Tři oříšky pro Popelku" (Three nuts for Cindirella), facendone da spettacolare sfondo fiabesco. Tra le numerose attrazioni dello Schloss Moritzburg figurano la Jagdtrophäensammlung, una delle più rilevanti collezioni di trofei di caccia presenti in Europa, e la leggendaria sala “Moritzburger Federzimmer”, nel 2004 insignita del premio europeo per la conservazione del patrimonio culturale. Al suo interno circa 2 milioni di coloratissime piume fanno da complemento artistico al sontuoso letto di Augusto il Forte. Altrettanto spettacolari sono le preziose tappezzerie in pelle dorata finemente decorate. Al centro di questo vastissimo monumento culturale si trova il Fasanenschlösschen, splendido edificio con un porticciolo in miniatura e un delizioso faro. Recentemente ristrutturato, questo gioiello del Rococò richiama a sé innumerevoli turisti, attratti anche dalle svariate manifestazioni culturali. Tra queste figurano il “Moritzburger Festival”, festival della musica da camera, e la festa autunnale della “Hengstparade”, parata degli stalloni, che ha luogo nell’antica scuderia reale di Moritzburg e che suole finire con l’uscita del leggendario calesse a sedici, spettacolo unico per le migliaia di appassionati di equitazione che qui affluiscono numerosi.

Per chi vuole concedersi un weekend romantico ed in completo relax, l’ Heide Spa Resort, Bad Düben, un albergo 4 stelle spa e wellness, recentemente aperto vicino a Lipsia, offre pacchetti di 2 pernottamenti, colazione, cena, vari trattamenti beauty e relax, incluso il transfert dall’aeroporto di Lipsia, a 199,00 Euro a persona in camera doppia.

Link correlati:
www.sassoniaturismo.it
www.claudia-wuensch.com
Vacanze in Germania
Heide Spa Resort - Bad Düben

21 gennaio 2008

"Differenziamoci". A Napoli un sogno nei cassonetti


Parte oggi a Napoli il progetto di Greenpeace "Differenziamoci". Un esperimento condominiale di raccolta differenziata domiciliare. 50 famiglie e un solo obiettivo: dimostrare all'opinione pubblica internazionale che ai cittadini napoletani non manca né senso civico né disponibilità. L'unico problema è l'assenza della volontà politica e strategica di gestire i rifiuti in maniera efficiente e responsabile.

Il progetto "DIFFERENZIAMOCI" - che si avvale di consulenti locali (Achab Group) già operativi in Regione - ha uno scopo puramente dimostrativo e avrà una durata limitata a una settimana. A partire da oggi ogni famiglia raccoglierà i rifiuti prodotti in modo separato. I volontari di Greenpeace si occuperanno di pesarli per dimostrare come è possibile diminuire molto la quantità di rifiuto indifferenziato da smaltire, mentre carta, vetro, organico e plastica possono andare a riciclaggio.


Con la raccolta differenziata domiciliare si evitano tonnellate di rifiuti da bruciare negli inceneritori o da portare in discarica!


Greenpeace con questo progetto non vuole sostituirsi in alcun modo a chi dovrebbe gestire il ciclo dei rifiuti ma solo sostenere un gruppo di famiglie, volenterose ed estremamente disponibili a fare la differenziata, se si spiegano obiettivi e metodi per un'efficace raccolta.

In Campania – a pesare sull'emergenza rifiuti – c'è anche la presenza della criminalità organizzata che investe ormai da anni nel settore. Uno dei principali fattori di rischio ambientale dei rifiuti solidi urbani è dato dalla frazione organica putrescibile, che rappresenta una frazione di circa il 30-40 per cento in peso. Nel 2006 la Campania ha prodotto 90 mila tonnellate di umido raccolte in modo differenziato – pari a 35.000 tonnellate di compost - che sono state inviate in impianti fuori Regione.

Secondo le stime del Consorzio Italiano Compostatori, la Campania potrebbe intercettare circa mezzo milione di tonnellate di frazione organica da valorizzare in agricoltura come compost di qualità. Nel 2005, nella città metropolitana di Napoli – che produce circa la metà dei rifiuti urbani dell'intera regione - solo 4.000 tonnellate di umido venivano intercettate dalle raccolte differenziate (dato APAT), mentre l'area di Napoli ha una potenzialità di circa 250.000 tonnellate.

Le raccolte differenziate domiciliari arrivano a intercettare anche il 70 per cento dei rifiuti e - se si separa l'organico - la gestione della frazione rimanente ha un impatto ambientale assai ridotto. Pensare che la soluzione sia quella della discarica e dell'inceneritore è sbagliato. Bisogna spostare l'attenzione dalle scelte di smaltimento alle misure di prevenzione.

Greenpeace sostiene la strategia delle "Erre": Riduzione alla fonte, Riutilizzo/Riuso, Raccolta differenziata domiciliare, Riciclo/Recupero dei materiali.


Oggi in Campania non è in funzione neanche un impianto di compostaggio e l'umido deve essere inviato fuori regione - Veneto e Calabria - pagando di più. La soluzione è investire in impianti per trattare almeno mezzo milione di tonnellate di umido e produrre compost. Un compost di qualità che conviene ecologicamente e anche economicamente perché può essere venduto.

20 gennaio 2008

Concorso fotografico “Obiettivo Donna”


A cura della Commissione Pari Opportunità della Provincia Regionale di Messina e con il patrocinio del Comune di Milazzo.

Il Concorso si propone di promuovere la cultura della parità nel rispetto delle differenze di genere e di valorizzare l’apporto delle donne e nell’affermazione della loro identità e nella crescita della società tutta. Il tema-guida dell’iniziativa è la rappresentazione dell’universo femminile nell’ottica dell’impegno e dell’autodeterminazione della donna nella crescita economica e culturale della società.
A questa delicata quanto importante zoomata nella sfera “al femminile” possono partecipare tutti, uomini e donne, fotografi, senza limiti di età e provenienza.

Le sezioni nelle quali si articola il Concorso sono tre: Fotografie in bianco e nero; Fotografie a colori; Fotografie digitali elaborate.

Le opere selezionate saranno esposte al Paladiana di Milazzo dal 7 all’8 Marzo 2008, mentre i primi classificati vedranno i loro lavori pubblicati sul periodico d’arte contemporanea “DROME magazine”.

TERMINE PRESENTAZIONE OPERE: 12 Febbraio 2008 (fa fede il timbro postale)
INAUGURAZIONE MOSTRA: 07 Marzo 2008 - Paladiana di Milazzo
PREMIAZIONE: 08 marzo 2008 - Paladiana di Milazzo
Per info: concorso.fotografia@gmail.com

In azione contro le baleniere giapponesi


Gli attivisti di Greenpeace - a bordo dei gommoni – hanno aggiunto "Falso" in giapponese alla scritta "Ricerca" che campeggia sulla fiancata della Nisshin Maru. La caccia baleniera della flotta del Governo giapponese, infatti, viene spacciata come "ricerca scientifica" e pagata dai contribuenti. È un insulto alla scienza e all'intelligenza. Intanto su uno dei maggiori quotidiani del Giappone cominciano a chiedersi: "Perché il Governo insiste con la caccia baleniera?".

Un articolo apparso oggi su uno dei maggiori quotidiani del Giappone - Asahi Shimbun - oltre allo spreco di danaro pubblico, riferisce della dubbia validità scientifica del programma e della scarsissima convenienza economica di questa caccia, da cui si sono ormai dissociate tutte le imprese private. In Giappone il consumo di carne di balena è ai minimi storici con 4.000 tonnellate di carne ammassate nei frigoriferi.

Particolarmente interessante è la dimostrazione del fatto che il cosiddetto Istituto di Ricerca sui Cetacei (ICR) - che il Governo del Giappone spaccia come agenzia di ricerca Indipendente - è in realtà pieno di ex dipendenti del Ministero della Pesca del Giappone: l'ICR spende la maggior parte degli oltre 50 milioni di dollari all'anno che il Ministero eroga per finanziare la caccia alle balene.

È evidente che in Giappone qualcosa stia cambiando: da qualche tempo, sulla caccia baleniera i portavoce del Governo sono del Ministero degli Esteri e non di quello della Pesca. Sembra che laggiù nessuno si fidi più del Ministero della Pesca.

Intanto è dal 12 gennaio scorso che l'Esperanza sta inseguendo la Nisshin Maru, da sei giorni fuori dalle zone di caccia. Senza la nave macelleria la caccia alle balene è bloccata: è lì che le balene vengono rapidamente passate per essere macellate, inscatolate e stivate nei frigoriferi. Inoltre, la Nisshin Maru funge da nave appoggio e senza di essa gli arpionatori hanno una ridotta operatività. Per rifornirsi di carburante, anche la Yushin Maru N.2 - una delle navi armate di arpione e destinata all'uccisione delle balene - si è dovuta allontanare dal Santuario delle Balene dell'Oceano Antartico.

10 gennaio 2008

Più controlli sulle strade per il benessere degli animali


Da oggi chi trasporta animali vivi privo della nuova “patente sul benessere degli animali” (certificazione di idoneità per i conducenti) è punito con una sanzione fino a 4.500 Euro. Il “certificato di idoneità” è uno dei nuovi adempimenti previsti dall’Unione Europea con il Regolamento 1/2005 sulla protezione degli animali durante il trasporto, al fine di migliore le gravi condizioni di viaggio degli animali vivi ed è una vera e propria “patente” del benessere degli animali che i conducenti devono avere obbligatoriamente per effettuare il trasporto degli animali.

Il Regolamento 1/2005 prevede, infatti, che i conducenti dei mezzi adibiti al trasporto di animali vivi, italiani e comunitari, debbano possedere adeguate conoscenze relative all’accudimento degli animali, saper valutare lo stress durante il trasporto e decidere le prime cure di emergenza in caso di condizioni di malessere degli stessi.

Il “certificato di idoneità” rappresenta quindi uno degli adempimenti previsti dal legislatore comunitario per fare fronte alle tante sofferenze cui gli animali sono sottoposti nel corso dei lunghi viaggi, che possono durare anche alcuni giorni, in condizioni indescrivibili di grave sovraffollamento, esposti a temperature torride o fredde, a seconda della stagione, e molto spesso senza ricevere adeguato trattamento e soste.

“L’Italia è in ritardo con l’applicazione della disciplina comunitaria e con l’emanazione di questi Certificati di idoneità, pur essendone nota la scadenza fin dal 2004 – dichiara Roberto Bennati Vicepresidente LAV – ancora una volta questo ritardo si traduce in gravi violazioni alle norme comunitarie, oltre che del benessere degli animali e della sensibilità dei cittadini, e rappresenta un grande regalo alle industrie della macellazione, che in questi mesi hanno sfruttato gravemente la mancanza di applicazione delle norme sul trasporto nel nostro Paese”.

“Siamo a conoscenza che molti trasportatori nazionali e comunitari non hanno ancora conseguito il Certificato di Idoneità e quindi effettueranno dei trasporti illegali – prosegue Bennati – chiediamo perciò alle Forze dell’Ordine adibite al controllo su strada e a tutte le Autorità veterinarie del nostro Paese di rafforzare i controlli al fine di sanzionare violazioni e accertare che il benessere degli animali possa trovare una necessaria e fondamentale applicazione, come più volte rilevato in diversi ambiti anche dalle Istituzioni comunitarie”.

9 gennaio 2008

Captcha? No, grazie!


Il codice CAPTCHA o codice grafico di sicurezza è un'enorme barriera sconosciuta per milioni di disabili visivi italiani e non solo. CAPTCHA NO GRAZIE! è una campagna che Blindsight Project ha accolto con piacere nella sua pagina dedicata alle campagne informative su WWW.BLINDSIGHTPRO.ORG con un banner da cliccare, per capire meglio che esistono metodi alternativi e meno discriminanti per una pseudo sicurezza.

I nostri programmi parlanti (screen reader con sintesi vocale) ancora non "leggono" i grafici o le immagini, quale un codice che mette in difficoltà anche i vedenti, che devono leggere e copiare. Si può fare come ha fatto Windows Live Messenger, che propone anche l'audio del codice illeggibile da noi ciechi, oppure basta leggere quanto si può sapere solo cliccando il banner di cui sopra.

Convinta che molti si sensibilizzeranno, e capiranno che UN CAPTCHA E' COME UNA SCALA PER CHI è IN CARROZZINA, ringrazio fin da ora chi cliccherà e si informerà dal banner in questione, al fine di poter dire veramente che internet è per tutti.

L'ENPA TEME CHE L'ACQUARIO PREVISTO A ROMA NEL QUARTIERE EUR POSSA DIVENTARE UN NUOVO ZOO


Dopo il bluff del Bioparco, che di fatto continua a riproporre con numerose iniziative il concetto di zoo, si rischia ora di presentare una nuova struttura di detenzione di animali, questa volta acquatici, nei pressi del laghetto dell’Eur.
Resuscitando un vecchio progetto risalente alla fine degli anni Novanta, la società Mare Nostrum Romae avrebbe già iniziato i lavori per la costruzione della struttura di tredicimila metri quadrati da edificare su due piani sotto il laghetto dell’Eur. Solo in parte saranno mostrati ambienti marini in maniera virtuale. Nel progetto, infatti, è considerata la possibilità di detenere specie in via di estinzione, ossia i famosi, quanto inutili, programmi di salvaguardia di animali rari che servono, in realtà, a mantenere in vita gli interessi commerciali degli zoo.

“Il fatto che nel Comitato Scientifico che sosterrà l’acquario dell’Eur sia presente il Bioparco di Roma, oltre che presenze discutibili come Federpesca, non può che preoccuparci“, ha dichiarato Giovanni Guadagna, Responsabile Ufficio Cattività di ENPA. “Vi è infatti – ha aggiunto – il concreto rischio che l’intento di salvaguardare specie in via di estinzione possa in realtà divenire alibi per detenere, all’interno di fittizie ricostruzioni di ambienti marini, moltissimi pesci e altri animali acquatici, anche di cattura. Notoriamente, infatti, la salvaguardia della biodiversità tramite progetti di riproduzione e scambio di animali rari varati dalle stesse organizzazioni di zoo, ha fornito l’alibi etico per continuare a giustificare gli interessi commerciali basati sulla prigionia in zoo ed acquari”.
“Non riusciamo a capire – ha commentato Claudio Locuratolo, Commissario ENPA di Roma – perché, per salvaguardare l’ambiente marino, non si spendono i 50 milioni di euro di investimenti previsti per l’acquario, in progetti di protezione del litorale laziale, già gravemente minacciato da edilizia speculativa e dagli stessi scarichi dei fiumi che, incredibilmente, la Società costruttrice dell’Acquario richiama per giustificare la valenza educativa del progetto”.

Secondo Enpa la costruzione di una tale struttura non solo rischia di creare le condizioni per un nuovo zoo acquatico, ma fornirebbe, con i suoi intenti di spettacolarizzazione della natura e di stimolo delle emozioni nel visitatore, un “suggerimento” a possedere all’interno delle proprie case acquari e terrai notoriamente causa, ogni anno, della morte di milioni di pesci ed altri piccoli animali. La natura va protetta difendendola sul campo ed educando le persone a rispettarla secondo un vero percorso educativo privo di animali prigionieri. ENPA chiede pertanto al Comune di Roma maggiore chiarezza sugli scopi della struttura e se questa comprenderà animali vivi. Finora, infatti, le notizie apparse sull’eventuale presenza di animali sono molto ambigue.

Animali in tv: la LAV denuncia Pupo


Più che "alla lavagna", Pupo con RaiUno e la società Magnolia dovrebbero essere messi dietro alla lavagna. In punizione per la violenza sugli animali, un pinguino e un iguana portati contro natura ieri sera davanti alle telecamere di "Tutti alla lavagna!", peraltro in una trasmissione con coprotagonisti i bambini e con dichiarati fini educativi.

"Denunceremo i responsabili per maltrattamenti di questi animali selvatici, in particolare il pinguino è stato oggetto di una corrida in studio, un'assurdità viste le Linee Guida a protezione degli animali in tv dello stesso Segretariato Sociale della Rai e il pronunciamento della Commissione parlamentare di Vigilanza contro la ridicolizzazione di esseri viventi in ambito televisivo - ha detto Gianluca Felicetti, presidente della LAV - se la trasmissione continuerà, visto che vuole riproporre una vera classe scolastica, dovrebbe invece adempiere alla legge 189 del 2004 che prevede corsi integrativi scolastici per diffondere il rispetto degli animali".

L'uso del pinguino e dell'iguana nella puntata di ieri poteva essere tranquillamente evitato con la proposta di un filmato o con l'esibizione di un manichino in studio, come fatto per un dinosauro; gli animali vivi in studio, se non domestici come cani e gatti, e per la loro stessa tutela, peraltro non aggiungono audience. Si ricorda, inoltre, che Pupo aveva già raccolto un precedente di utilizzo di animali in tv con i "Pacchi", sempre di RaiUno.

Apple uniformerà i prezzi della musica iTunes in Europa


Apple® ha annunciato oggi che entro i prossimi sei mesi abbasserà i prezzi applicati alla musica in vendita nel proprio iTunes® Store inglese per allinearli a quelli iTunes già uniformati in Europa: in Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Portogallo, Svezia, Svizzera e Spagna. Apple deve al momento pagare di più alcune etichette discografiche per poter distribuire la loro musica in Gran Bretagna rispetto a quanto le paga per distribuire la stessa musica in qualsiasi altro paese europeo. Apple riconsidererà i propri rapporti continuativi in Gran Bretagna con qualsiasi etichetta che, entro sei mesi, non abbasserà i propri prezzi in UK per equipararli al livello pan-europeo.

“Questo è un passo importante verso un mercato della musica pan-europeo,” ha affermato Steve Jobs, CEO di Apple’. “Ci auguriamo che tutte le principali etichette discografiche adottino una visione pan-europea sul prezzo.”

Apple ha dato il via alla rivoluzione del personal computer negli anni ‘70, con Apple II, e lo ha reinventato un decennio più tardi, con l'introduzione del Macintosh. Ancora oggi Apple continua a guidare il settore grazie alla sua capacità di innovazione, con computer desktop e portatili, il sistema operativo OS X, gli applicativi iLife e quelli professionali. Apple sta inoltre guidando la rivoluzione dei media digitali con la linea di lettori di musica e video iPod e con il negozio online iTunes. Apple ha fatto il suo ingresso nel mercato della telefonia cellulare con il suo rivoluzionario iPhone.

8 gennaio 2008

Il primo romanzo ambientato in Second Life


Presentazione di Sarka il primo romanzo ambientato in Second Life, scritto da Claudio Forti e pubblicato dalla Di Renzo Editore.

Il 21 gennaio verrà presentato il romanzo Sarka pubblicato dalla Di Renzo Editore. Il romanzo scritto da Claudio Forti, ha la peculiarità di essere il primo romanzo tratto dal grande successo di Second Life, la community virtuale che ha influenzato tutto il mondo. Da Second Life, il romanzo prende le mosse per indugiare a lungo sulle atmosfere virtuali di questo mondo incredibile eppure raggiungibile con qualsiasi computer e in qualsiasi parte del mondo. La storia è quella di Marco, affermato architetto in crisi di mezza età, che mette tutta la sua vita in discussione per Sarka, stupenda creatura boema conosciuta in rete, impareggiabile creatrice di sensuali atmosfere. Alla ricerca di nuovi stimoli, nel tentativo di uscire dalla sicura routine della propria vita, Marco confonderà il sogno con la realtà, varcando inesorabilmente i confini che separano i due mondi, fino al colpo di scena finale.

5 gennaio 2008

Premio Nazionale di Poesia Pietro Mirabile 2008


La Fondazione Thule Cultura e la rivista Spiritualità & Letteratura, indicono la seconda edizione del Premio Nazionale di Poesia "Pietro Mirabile" 2008, dedicato al Poeta del Sacro di Chiusa Sclafani scomparso nel 2000 a Palermo e fra i fondatori della rivista Spiritualità & Letteratura.

Si concorre con una silloge di quaranta poesie di massimo 40 versi per ogni poesia. I testi dovranno essere inediti e da spedire, in formato Word per PC su supporto CD-ROM o in forma cartacea.

L'Opera premiata sarà pubblicata come numero monografico di 48 pagine più copertina a colori in numero mille copie dalla rivista Spiritualità & Letteratura con apposita Introduzione critica e note biobibliografiche sull'autore premiato a cui verranno destinate numero 200 copie in omaggio. Il numero conterrà anche notizie generali sugli altri premiati. Ai secondi e terzi classificati nonché ai segnalati, in numeri successivi della rivista verranno selezionate alcune poesie della silloge finalista.

Per ogni Autore inserito numero 5 copie in omaggio.
Potranno essere Segnalate altre raccolte concorrenti.
Ai primi tre classificati verrà anche assegnato un Diploma e un bassorilievo d'Autore. Diplomi e medaglie commemorative per gli Autori segnalati. Inoltre verrà creata una macroarea sul sito http://www.tommasoromano.it con alcuni testi dei poeti vincitori e segnalati.
Nessuna tassa di lettura o di segreteria è prevista.

Si partecipa esclusivamente abbonandosi alla rivista Spiritualità & Letteratura (Euro 30 per 5 numeri) inviando vaglia o assegno non trasferibile o in banconote, intestato al Direttore Prof. Tommaso Romano, al cui indirizzo con plico raccomandato va inviata la raccolta e l'abbonamento: Via Ercole Bernabei, 51 - 90145 - Palermo;
Per ulteriori comunicazioni si può inviare una email a info@tommasoromano.it o telefonare al numero 3493896419.

La premiazione si svolgerà a Palermo. L'esito sarà comunicato personalmente agli Autori vincitori e segnalati, anche attraverso il sito http://www.tommasoromano.it/ThuleN.htm.
Scadenza di presentazione delle sillogi 20 Aprile 2008.

Giuria: Tommaso Romano (Presidente), Piero Vassallo, Franca Alaimo, Manlio Peri, Giuseppe Bagnasco (Segretario) il cui deliberato è insindacabile.
Per ogni controversia è competente il Foro di Palermo.

Bupropione e disassuefazione dal fumo di tabacco.


Il Buproprione è un antidepressivo dotato di proprietà dopaminergiche e noradrenergiche che è stato impiegato nel trattamento della disassuefazione dal fumo di tabacco; infatti, concentrazioni adeguate di Buproprione inibirebbero gli effetti stimolanti che la nicotina induce nelle aree cerebrali deputate alla gratificazione.

Molte sostanze d’abuso, nicotina compresa, stimolano il rilascio di dopamina a livello del sistema di gratificazione localizzato nel meso-accumbens. Recettori nicotinici ad azione eccitatoria ed inibitoria sono localizzati su neuroni che controllano il sistema dopaminergico così come sugli stessi neuroni ad azione dopaminergica. I recettori nicotinici per l’acetilcolina dell’area ventrale-tegmentale medierebbero la stimolazione nicotinica al rilascio di dopamina e, conseguentemente, i suoi effetti sul sistema della gratificazione.

Il Bupropione è un antagonista non competitivo a largo spettro dei recettori nicotinici. Nello studio sperimentale condotto da Mansvelder HD e coll. è emerso che il pre-trattamento di cavie da esperimento con Buproprione riduceva in maniera significativa gli effetti della nicotina sull’eccitabilità del sistema dopaminergico e, conseguentemente, sulla stimolazione del sistema della gratificazione.

Riferimento bibliografico: Mansvelder H,Fagen ZM, ,Chang B, Mitchum R, McGehee DS. Bupropion inhibits the cellular effects of nicotine in the ventral tegmental area. Biochem Pharmacol, 2007 Oct 15;74(8):1283-91.

Link correlati:
www.psichiatria-online.it
www.forumpsichiatria.it

Continua il Tour dei Subsonica


Anche nel 2008 il quintetto torinese dei Subsonica sarà protagonista di numerosi concerti in giro per l’Italia. Tra le tante date saranno presenti in Emilia Romagna, Abruzzo e Puglia. I biglietti sono disponibili sul circuito BookingShow Spa. Il 12 ottobre 2007 è uscito “La glaciazione” , primo singolo del nuovo album di inediti dal titolo L'eclissi in uscita il 23 novembre, in contemporanea con il concerto d'apertura a Jesolo. Da registrare in tutte le date del tour l'esecuzione della cover di Up patriots to arm, di Franco Battiato.

Si è appena concluso il Tour 2007 con un trionfale concerto tutto esaurito nella loro città, Torino,.Il tour ha visto concerti pieni ovunque e parecchi sold out (a Jesolo, Roma, Milano e Torino) e uno spettacolo impressionante per l’intensità dell’esibizione della band, la scenografia avveniristica e per la qualità del suono.Nel nuovo tour 2008 che li porterà a suonare tra febbraio e marzo in molte altre città italiane ci saranno anche diverse date al Sud. Da segnalare i concerti, a partire dalle ore 21, presso: - “Pala Remo Maggetti' di Roseto degli Abruzzi (Te) il 14 Marzo; - “Palasport” di Andria (Ba) il 15 Marzo; - “Palapanini” di Modena (Mo) il giorno 21 Marzo.

I biglietti sono disponibili sul circuito BookingShow Spa:
- Punti vendita sul territorio nazionale, riconoscibili dalla vetrofania che espongono, il cuore BookingShow con la scritta punto vendita.- Portale web all’indirizzo www.bookingshow.com da cui è possibile acquistare in tutta sicurezza i biglietti per gli eventi 24 ore su 24 pagando con carta di credito.- Call Center che risponde tutti i giorni dalle 8:00 alle 22:00 al numero 899 030 822 per l’acquisto di biglietti e informazioni relative agli eventi.

Conferenza "La Coppia Creativa" a Messina


L’Associazione Culturale “Helios” e l’Istituto Superiore di Psicologia Vibrazionale “Franco Cusimano” hanno organizzato per sabato 26-Gennaio-2008 alle ore 17,00 presso il Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina una conferenza sul tema: “LA COPPIA CREATIVA” (Sessualità-Psicologia-Diversità).

Sessualità in crisi per una coppia su tre: Si dà la colpa allo stress, ma i veri nemici sono ignoranza, disagio, falso pudore e mancanza di dialogo. L’evento si colloca tra le attività multiculturali, scientifiche, informative e di sensibilizzazione del tessuto sociale siciliano. Obiettivo è quello di promuovere una maggiore attenzione ai problemi di coppia, puntando a sensibilizzare il maggior numero di persone verso il dialogo per migliorare i rapporti interpersonali del vissuto quotidiano alla ricerca di un buon equilibrio bio-psico-fisico, nel rispetto della propria individualità e di quella altrui.

La sessualità è parte vitale della personalità di ogni essere umano e si costruisce attraverso l’interazione tra l’individuo e le strutture sociali, il suo pieno sviluppo deriva dall’appagamento dei bisogni umani primari come il desiderio di: tatto, contatto, avere tatto, intimità, complicità, amore, piacere e tenerezza.

Poiché la salute è una questione sociale, economica, politica ed è un diritto umano fondamentale, anche la salute sessuale è un diritto umano basilare, soltanto assicurando l’intero sviluppo di una sana sessualità è possibile raggiungere una migliore qualità della vita.

Interverranno:
dott.sa Pina Boncaldo Responsabile di coordinamento “Helios Academy”- Palermo.
dott. Sebastiano Tamà -Medicina Generale- C.T.U. del Tribunale di Messina.
dott. Franco Cusimano, Sessuologo, Psicologo, Psicoterapeuta e C.T.U. del Tribunale – Roma.

Argomenti trattati:
· Dipendenza dal Sesso e Pornografia.
· Inibizione del Desiderio Sessuale e Ansia da Prestazione.
· Fobie Sessuali: Gelosia, Potere e Risentimento.
· Omosessualità Maschile, Femminile e Tabù.
· Sessualità e Trasgressione di Coppia.
· La Coppia bianca e Disfunzioni.

A richiesta sarà rilasciato attestato di partecipazione.

L'ingresso è libero.

Per informazioni: http://www.helios-psicologiavibrazionale.it

4 gennaio 2008

La comunità di Veroli avvierà nuove terapie con gli animali


Dopo la tragica notizia dell'uccisione dell'asinello avvenuta a Veroli si è scatenata una vera e propria corsa di solidarietà da tutta Italia che ha visto il suo apice lo scorso 23 dicembre. Di solito in questa data si incartano gli ultimi doni da mettere sotto l'albero e invece tante persone, dal Sindaco al Comandante della locale stazione dei Carabinieri, dai membri della banda musicale di Veroli a tanti privati cittadini, si sono ritrovati presso l’ex convento dei cappuccini dove ha sede il centro diurno per disabili, per assistere alla consegna degli asinelli da parte di donatori provenienti da tutta Italia. Anche l'Enpa era presente con Paolo Spicacci, coordinatore regionale del Lazio, con Nives Campanelli presidente provinciale Enpa di Frosinone e Balù, uno stupendo asinello di 22 mesi che il suo proprietario Francesco Capitani di Subiaco, ha gentilmente regalato alla Comunità di Veroli grazie all’interessamento della Protezione Animali. Il trasporto di Balù è avvenuto grazie alla disponibilità di un altro amico dell'Enpa, Curzio, anch’egli di Subiaco. Nonostante il maltempo di quel giorno, si è presentato puntuale con il suo furgone con dentro Balù. E' stata una grande festa di solidarietà e di civiltà e di amore per i disabili con il riconoscimento del grande valore educativo per questi animali troppo spesso maltrattati. La consegna è avvenuta con grande naturalezza e spontaneità. Nei giorni prossimi avverrà un'ulteriore consegna di asini e il coordinatore Paolo Spicacci, oltre a occuparsi, insieme agli amici di Subiaco, del mantenimento di questi simpatici animali, ha dichiarato che avvierà con la Comunità una serie di progetti pilota sia per l'onoterapia (quella fatta con gli asini) sia per l'ippoterapia (con i cavalli) sia, infine, per la pet therapy (con tutti gli altri animali).

Emergenza rifiuti in Campania, serve una terapia d'urto


Il WWF propone regole drastiche ma necessarie per fronteggiare l'emergenza. Tra pochi giorni si apre il maxi processo sulla gestione dei rifiuti in cui WWF sarà Parte civile.

Cosa è accaduto in questi 14 anni di gestione dei rifiuti in Campania, cosa c'è alla base dell’emergenza che sta sconquassando la regione? Molte risposte arriveranno dal primo processo sulla gestione politica centrale e regionale dell’emergenza rifiuti in Campania. Il maxi-processo si aprirà il 14 gennaio presso il Tribunale di Napoli, 28 gli imputati tra cui i massimi responsabili delle strutture di commissariamento dei rifiuti e delle imprese che hanno gestito i rifiuti in Campania negli ultimi anni. Le imputazioni riguardano prevalentemente reati contro la Pubblica Amministrazione (dalla truffa aggravata al falso ideologico, dall’abuso d’ufficio a gravi forme di inquinamento) e la fede pubblica, una fede ancor più tradita visto che la Campania è una delle regioni che produce meno rifiuti pro-capite in Italia (nel 2005 circa 485 kg, al livello delle regioni più virtuose come Veneto, Trentino Alto Adige).

“Quello di questi giorni è il frutto di una strategia dell’emergenza creata ad arte per arrivare a soluzioni estreme, quali l’incenerimento, soluzioni già ‘decise’ in partenza perché in grado di garantire l’ ’affare rifiuti’ - dichiara il WWF - In questi anni abbiamo assistito ad una totale mancanza di volontà di gestire l’intero ciclo dei rifiuti secondo regole che vengono applicate con successo in molte regioni e persino nella stessa Campania, come accade nel virtuoso Comune di San Michele di Serino, in Irpinia, che ha raggiunto il 70,5% di raccolta differenziata adottando il sistema porta a porta. Invece in questi anni i responsabili si sono fatti affascinare da soluzioni impiantistiche pesanti, come l’incenerimento, dimenticando quante cose si possono fare prima di incenerire per arrivare alla riduzione della quantità dei rifiuti da smaltire”.

Ma cosa si sarebbe dovuto fare, e non si è fatto, per non trovarsi con le montagne di spazzatura lungo le strade della Campania? Oltre alla raccolta porta a porta, che avrebbe potuto portare al riciclaggio di almeno il 60% dei materiali, sarebbe stato necessario attivare un mercato dei materiali riciclati attraverso gli acquisti pubblici (arredi urbani, etc.) e incentivare la realizzazione degli impianti di produzione di oggetti realizzati a partire da materiali riciclati. Queste iniziative previste dalla normativa nazionale ed europea, se affiancate progressivamente da provvedimenti per la prevenzione dei rifiuti avrebbe portato all’esigenza di smaltimento di quantità talmente ridotte da non costituire un problema e rendere facile la scelta tecnologica per lo smaltimento finale (discarica, incenerimento, trattamento biomeccanico, etc.).

In queste condizioni di emergenza serve comunque una terapia d’urto: quella che il WWF propone per l’immediato prevede anche un forte coinvolgimento della cittadinanza, giustamente preoccupata per la salute del proprio territorio ma che non trova risposte adeguate dalla macchina amministrativa. 6 proposte da applicare in forma straordinaria e immediata da parte del Prefetto di Napoli o del Sindaco (entrambe figure responsabili della salute
pubblica) che possono scongiurare il peggioramento di questa emergenza:

- Da subito applicare il divieto di utilizzare materiali non riciclabili per
almeno 3 mesi

- Da subito il divieto di utilizzare materiali monouso per almeno 3 mesi

- Da subito la divisione della parte secca-umida dei rifiuti, per utilizzare
al meglio la parte organica e semplificare il recupero dei materiali

- Da subito la raccolta porta a porta

- Da subito in funzione gli impianti di compostaggio pronti

- Da subito un piano straordinario di raccolta cartoni e imballaggi

3 gennaio 2008

200 Bullets, dal 7 Gennanio il singolo Computer Capriccio in anteprima su MySpace.


I 200 Bullets affidano a Myspace l’anteprima assoluta del nuovo brano. “Computer Capriccio”, il primo singolo tratto dall'album 200 Bullets and Friends in uscita a fine Febbraio per la Slakeless Heart/Venus, sarà in anteprima esclusiva sull’homepage del gruppo dalla mezzanotte tra il 6 e il 7 Gennaio 2008.

Computer Capriccio, un remake della storica canzone di Alberto Camerini del 1982, è cantata a duetto proprio con lo stesso Camrini. Un cammeo è riservato all'istrionico DJ Ariele di Radio RockFm.

Ancora una volta, è il social network più noto al mondo ad ospitare un’anteprima musicale importante, ovvero il nuovo atto della band rock punk che ultimamente sta più facendo parlare di se in Italia ed in Europa.

Link correlati:
200Bullets

Concorso nazionale di architettura in Abruzzo


Il WWF, insieme con il Comune di Atri (TE), lanciano un concorso di idee di architettura per la sistemazione dell’area circostante il centro visite della Riserva naturale ed Oasi WWF dei Calanchi di Atri

Il tema del concorso sarà la progettazione di un percorso sensoriale aperto a tutti. I visitatori potranno così conoscere l’area protetta con i suoi odori, suoni e colori, immersi nel paesaggio selvaggio e impressionante delle formazioni calanchive circostanti. Al concorso di idee potranno partecipare architetti, ingegneri e forestali (o persone con relative lauree equipollenti). Al primo classificato il WWF corrisponderà un premio di 3500 euro, al secondo 1000 e al terzo 500. Inoltre sarà possibile assegnare al primo classificato la progettazione esecutiva dell’intervento, visto che sono già disponibili, grazie al finanziamento dell’Assessorato ai Parchi della Regione Abruzzo, altri 45000 euro per la realizzazione delle opere proposte.

Il bando del concorso, che è stato pubblicato sul sito del Comune di Atri lo scorso 13 dicembre, prevede la scadenza per la presentazione delle proposte progettuali entro 60 giorni dalla data di pubblicazione. Una giuria formata da esperti e dai gestori del WWF della Riserva sceglierà il progetto meritevole di essere realizzato, che si prevede di inaugurare entro la fine del 2008.

Megattere "graziate" dal Giappone


Dalla Yushin Maru, nave da caccia della flotta giapponese, parte un primo arpione che ferisce una balena. Ma servono altri tre colpi di arpione per uccidere la balena ferita in fuga.

Il governo giapponese "concede la grazia" alle megattere - specie a rischio di estinzione - ma non rinuncia alla "condanna a morte" di circa mille balene nel Santuario dell'Oceano Antartico. Anche quest'anno la nave di Greenpeace "Esperanza" è partita all'inseguimento della flotta baleniera giapponese. Con i gommoni pronti a sfrecciare per salvare le balene dagli arpioni.

Tutto il mondo chiede al Giappone di fermare il massacro delle balene praticato con la scusa della ricerca scientifica. La ricerca scientifica giapponese è un vero scandalo: in anni di caccia non ha mai prodotto un dato utile. Gli scienziati non hanno bisogno di uccidere le balene per studiarle.

La carne di balena non ha mercato. Un sondaggio pubblicato in Giappone nel giugno 2006 dal Nippon Research Centre mostra che oltre due terzi dei giapponesi intervistati disapprova la caccia baleniera in Antartide e che il 95 per cento non mangia mai, o solo raramente, carne di balena. E' per questo che nei magazzini giapponesi sono ammassate circa 4.000 tonnellate di carne di balena invendute: hanno anche provato a usarla come mangime per cani!

La caccia baleniera mette a rischio l'attività del whale watching - la pacifica osservazione delle balene in mare - che ha un mercato mondiale di un miliardo di dollari l'anno. La gente ama osservare questi affascinanti animali da vivi. Di certo non fatti a pezzi dalle baleniere.

La nave Esperanza seguirà come un'ombra gli assassini di balene. Quest'anno a bordo ci sono tre attivisti italiani: Caterina Nitto (secondo ufficiale), Gianluca Morini (radio operatore), Simona Fausto (assistente cuoco).

Le balene valgono molto più da vive che da morte. Per questo Greenpeace ha lanciato una proposta per una rete di riserve marine che copra il 40 per cento dei mari del Pianeta, inclusa una proposta specifica nel Mediterraneo. Questa rete servirà a proteggere gli ecosistemi pelagici e quindi anche i cetacei.

Che il governo giapponese abbia salvato 50 megattere è una vittoria per Greenpeace. La notizia che ora tutto il mondo aspetta è che nessun arpione colpisca mai più una balena.

Turismo: è nata la nuova holding "Viaggiare"


Ha debuttato giovedì 27 dicembre 2007 la nuova sub holding di Airon SpA: si chiama “Viaggiare SpA” ed è attiva – come si intuisce già dal nome – nell’affascinante mondo del turismo. Tale attività è svolta grazie ad una forte integrazione verticale in grado di presidiare l’intera filiera nel settore di riferimento: dalla realizzazione di pacchetti vacanze alla vendita di prodotti e servizi turistici mediante una vasta rete di agenzie e canali on line.

La nuova realtà ha un capitale sociale di Euro 9 milioni e 500mila ed è composta dai brand Promohotels, Elitaria, Elite Tour Vacanze, Freefly e Focaione. L’offerta proposta da Viaggiare è quindi a 360 gradi poiché spazia da un network di agenzie di viaggio (Elitaria SpA), ad un tour operator (Elite Tour Vacanze), passando per la distribuzione di prodotti turistici online (Eurovacanze.net, Freefly.cc e Promohotels.org) fino alla realizzazione di una struttura turistico-residenziale nel cuore della Toscana (Focaioni Srl).